Confindustria: Pil scenderà ancora 

A maggio la produzione industriale è diminuita del 33,8% rispetto a maggio 2019, quindi leggermente un calo meno forte dopo il 44,3% rilevato ad aprile sui dodici mesi. In termini congiunturali, ovvero rispetto al mese precedente, si è avuto un rimbalzo del 31,4% in maggio, dopo una caduta del 24,2% in aprile. Gli ordini in volume sono diminuiti del 51,6% annuo in maggio (+12,3% sul mese precedente) e del 29,6% in aprile (-43,7% su marzo). E’ quanto rileva il Centro studi Confindustria nella indagine rapida sulla produzione industriale. 

Nei mesi primaverili, per il Pil e la produzione industriale sono attese diminuzioni più forti rispetto a quanto osservato nel primo trimestre, stima ancora il Centro Studi Confindustria. La variazione acquisita della produzione industriale nel secondo trimestre è di -27,7% sul primo, quando era diminuita dell’8,4% sul quarto 2019; se anche in giugno procedesse la lenta ripresa della domanda, nella media del secondo trimestre si avrebbe comunque una riduzione di oltre il 20% dell’attività, quasi tre volte la dinamica registrata a inizio anno. Questo calo comporterebbe un contributo negativo di circa 5 punti percentuali alla diminuzione del Pil nel secondo trimestre.  

Adnkronos

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: