Coronavirus, Oms: “Possibile trasmissione prima dei sintomi” 

Malati sintomatici, persone nella fase pre-sintomi, portatori inconsapevoli del nuovo coronavirus. Quali sono le rotte che Covid 19 sfrutta per continuare ad alimentare la pandemia? Naso e gola, superfici e oggetti contaminati sono le sue rampe di lancio. Quanto al potenziale infettivo, si è più contagiosi all’inizio della malattia, e mentre al momento è stata documentata la trasmissione in fase pre-sintomatica, non è ancora avvenuto per quella che parte da asintomatici, anche se non si esclude questa possibilità. A fare il punto è l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che riepiloga le informazioni disponibili fino a oggi in un approfondimento pubblicato nel report quotidiano.  

Ogni giorno, spiega l’agenzia Onu per la salute, “impariamo di più su questo nuovo virus”. Il primo caso analizzato è quello del paziente sintomatico. I dati epidemiologici pubblicati e quelli degli studi virologici forniscono evidenze sul fatto che Covid-19 sia principalmente trasmessa da persone sintomatiche ad altre che sono con loro in stretto contatto, attraverso goccioline respiratorie, per contatto diretto con gli infetti o dal contatto con superfici e oggetti contaminati. Al riguardo ci sono esperienze e dati dettagliati. Gli studi clinici e virologici basati su campioni biologici raccolti da casi confermati hanno fornito prove del fatto che lo ‘spargimento’ del virus è più alto nel tratto respiratorio superiore (naso e gola) e all’inizio il decorso della malattia. Cioè, “entro i primi 3 giorni dall’esordio dei sintomi – scrive l’Oms – Dati preliminari suggeriscono che le persone potrebbero essere più contagiose nel periodo di insorgenza dei sintomi rispetto a alle fasi successive nella malattia”.  

Il periodo di incubazione della Covid-19, il tempo che intercorre tra l’esposizione al virus e l’insorgenza dei sintomi è in media di “5-6 giorni, tuttavia può arrivare fino a 14 giorni”, ricorda l’Oms. “Durante questo periodo, noto anche come ‘presintomatico’, alcune persone infette possono essere contagiose. Pertanto si può dire che la trasmissione da un caso pre-sintomatico può verificarsi prima dell’insorgenza dei sintomi. In un numero limitato di casi clinici e studi – informa l’Oms – è stata documentata la trasmissione pre-sintomatica attraverso il contatto. E questa dinamica è supportata anche da dati che suggeriscono che alcune persone possono essere positive al test per Covid da 1 a 3 giorni prima che sviluppino sintomi”.  

Quanto al capitolo delle persone infette senza segni della malattia, “vi sono poche segnalazioni di casi confermati in laboratorio e asintomatici e fino ad oggi – puntualizza l’Oms – non è stato riscontrato alcun caso trasmissione asintomatica documentata. Ciò non esclude la possibilità che possa verificarsi”. L’agenzia assicurerà un monitoraggio costante su questo fronte, anche perché – conclude l’ente – ha un peso sugli sforzi di tracciamento dei contatti che si stanno affrontando in molti Paesi. 

Adnkronos

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: