Coronavirus, Zaia: “Nuova ordinanza per chi arriva dall’estero”  

Tempo di lettura: < 1 minuto

“La situazione di oggi è sotto controllo e sostenibile, ma abbiamo un virus che arriva dall’estero”. Lo sottolinea Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, annunciando la firma di un’ordinanza che prevede che debbano sottoporsi a tampone tutti gli appartenenti alla categoria di “soggetti a rischio particolare”. “L’ordinanza di oggi – spiega – che ha validità fino al 6 settembre, inquadra delle categorie a rischio, che definiamo ‘soggetti a rischio particolare’. Stiamo parlando del controllo obbligatorio di persone provenienti da Paesi esteri”. 

Per tutte queste persone è previsto il tampone al rientro in Italia, tamponi che Zaia sottolinea “sono tutti gratuiti”. Le categorie interessate da quest’ordinanza sono le seguenti: operatori delle Rsa, operatori sanitari che prestano servizio presso strutture ospedaliere ed extra-ospedaliere, operatori che prestano assistenza domiciliare, ad esempio le badanti, lavoratori stagionali del settore agricolo, tutti i lavoratori che si sono recati all’estero per trasferte di lavoro, di durata fino alle 120 ore. 

Si aggiungono a queste persone anche quelle che nei 14 giorni precedenti hanno transitato o soggiornato in Bulgaria o Romania, gruppi target di popolazione, che rivestono un particolare interesse epidemiologico e gli ospiti stranieri e richiedenti asilo dei centri di accoglienza straordinaria. 

“Tutti gli appartenenti a queste categorie che hanno transitato o soggiornato all’estero nei 14 giorni precedenti, indipendentemente dalla durata o dalla motivazione del soggiorno all’estero, saranno sottoposti al tampone”, aggiunge.  

“Per i soggetti invece che provengono da Paesi dove è prevista la quarantena, è prevista la quarantena e basta – specifica il presidente della Regione – Con questa ordinanza voglio ricordare che abbiamo dei soggetti che fanno ingresso o rientro in Veneto da Paesi che sono la Spagna, la Croazia, la Grecia e la Repubblica di Malta, per i quali imponiamo l’obbligo del tampone”. 

 

Adnkronos

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: