Coronavirus, Zaia: “Veneto verso lento recupero” 

“Questa è la settimana cruciale e sta indicando una direzione verso un lento recupero. Lo dimostrano i dati di oggi, per il secondo giorno consecutivo infatti i dimessi superano i ricoveri”.  Lo ha spiegato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, nel corso del quotidiano punto stampa nella sede della Protezione Civile di Marghera. “Non dobbiamo comunque abbassare la guardia – ha ammonito Zaia -. Dobbiamo ringraziare i veneti che sono stati la vera medicina e dobbiamo investire in questo lento recupero. Si è fatto un grande lavoro di squadra, iniziando dagli operatori sanitari che sono stati eccezionali”. “La prossima settimana – ha concluso Zaia – sarà altrettanto determinante”. 

Il bollettino della giornata 

“Ieri sera in videoconferenza con premier Giuseppe Conte si è parlato della possibile apertura delle aziende, che lo ricordo è di esclusiva competenza del governo. Da parte nostra ho spiegato che il Veneto sta predisponendo un piano di riapertura che spero possa essere un contributo utile per il piano nazionale di riapertura delle attività produttive”, ha continuato Zaia, che ha spiegato: “Io penso che la riapertura sia assolutamente necessaria, ovviamente con gradualità – ha sottolineato- ma è chiaro che deve essere assolutamente convalidata dal mondo scientifico perché dobbiamo evitare ‘rimbalzi’ dell’epidemia come sta avvenendo ad Hong Kong”.  

E Sul fronte della riapertura delle attività produttive Zaia ha rilanciato la “validità dei test sierologici che potranno, se validati scientificamente, essere una valida ‘patente’ si una immunità certificata per i lavoratori”.  

 

Adnkronos

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: