Tempo di lettura: 2 minuti

Gli articoli della Legge di Bilancio scendono a 228, dai 248 di una bozza circolata ieri. E’ quanto emerge da un’ultima bozza della Finanziaria che l’Adnkronos ha potuto visionare. Ecco le misure previste dalla nuova bozza che dovrebbe approvare oggi il Cdm. 

ASSEGNO UNICO – “Il Fondo assegno universale e servizi alla famiglia” è “incrementato di 3.012,1 milioni di euro per l’anno 2021 e di 5.500 milioni di euro annui a decorrere dal 2022”. 

IMPRESA FEMMINILE – Secondo la bozza, anche il ministero delle Pari Opportunità, insieme al Mise e al Mef, viene coinvolto nell’istituzione del fondo per l’Impresa femminile. 

CONTENZIOSI CITTA’ DELLO SPORT – È assegnata, nell’anno 2021, la somma di 25 milioni di euro al ministero dell’Università e della ricerca, che costituisce tetto di spesa, al fine del trasferimento della stessa somma all’Università degli Studi di Roma ‘Tor Vergata’ per la definizione dei contenziosi in essere, con i soggetti affidatari del progetto e dei lavori, connessi alla mancata realizzazione del complesso sportivo polifunzionale denominato ‘Città dello Sport’. L’assegnazione avviene contestualmente al trasferimento da parte dell’Università in favore dell’Agenzia del Demanio (e non più della Società pubblica Sport e Salute come figurava in una precedente bozza), del diritto di proprietà dell’area su cui insiste il complesso sportivo polifunzionale denominato ‘Città dello Sport’, nonché delle opere già realizzate unitamente ai progetti sinora sviluppati per la sua realizzazione, al fine di consentire il completamento delle opere ovvero la revisione dei progetti stessi. L’atto traslativo deve essere stipulato e trascritto in ogni caso entro il 31 marzo 2021. E’ quanto si legge nella bozza della manovra visionata dall’Adnkronos. 

All’Agenzia del demanio, e quindi non più alla Società Sport e Salute, “è assegnata la somma annua di 3 milioni di euro per gli anni dal 2021 fino al 2023, ai fini della manutenzione, ordinaria e straordinaria, delle opere realizzate e la messa in sicurezza dell’area trasferita, in vista del recupero funzionale delle opere realizzate”.  

La convenzione tra l’Università degli Studi di Roma ‘Tor Vergata’ e la società assegnataria dei lavori, stipulata il 23 ottobre 1977, deve ritenersi cessata, a tutti gli effetti, alla data di definizione dei contenziosi in essere.  

Rispondi